+1-234-567-8910

I glucocorticoidi sono nostri potenti alleati contro linfiammazione da oltre 70 anni e si collocano tra i farmaci più utilizzati per il trattamento di svariate condizioni e patologie Vediamo insieme come funzionano e quando utilizzarli. SIF Magazine

I glucocorticoidi sono nostri potenti alleati contro linfiammazione da oltre 70 anni e si collocano tra i farmaci più utilizzati per il trattamento di svariate condizioni e patologie Vediamo insieme come funzionano e quando utilizzarli. SIF Magazine

Le informazioni presenti nel sito devono servire a migliorare, e non a sostituire, il rapporto medico-paziente. È accompagnata da acne, gonfiore al volto, comparsa di macchie scure sulla cute e di peluria al volto nei soggetti di sesso femminile. Può giovare in parte assumere gli steroidi di mattino, a giorni alterni anziché quotidianamente, oppure abbassare il dosaggio. Si manifestano con sbalzi d’umore, difficoltà a prendere sonno, ansia o irritabilità, soprattutto con il trattamento in dosi elevate o a lungo termine.

Sono disponibili un grande numero di molecole sintetiche simili al cortisolo; tra i farmaci più utilizzati possiamo trovare il prednisone, il desametasone, il betametasone ed i glucocorticoidi topici o inalatori . I glucocorticoidi agiscono principalmente controllando la glicemia , al fine di assicurare il funzionamento dei processi cruciali per la sopravvivenza (come la funzionalità cerebrale). Questi ormoni agiscono anche sul metabolismo dei grassi e delle proteine e tendono ad aumentare la pressione arteriosa.

  • Può giovare in parte assumere gli steroidi di mattino, a giorni alterni anziché quotidianamente, oppure abbassare il dosaggio.
  • L’assunzione di corticosteroidi orali per periodi prolungati può indurre le ghiandole surrenali a produrre meno ormoni steroidei naturali.
  • Il colesterolo deriva da un lungo processo di condensazione di unità carboniose, che originano dalla molecola chiave dei processi energetici, l’acetil-coenzima A.

La sospensione del trattamento può portare ad una vera e propria crisi d’astinenza, caratterizzata da depressione e da una sindrome che mima l’ipogonadismo. Altri impieghi degli androgeni, sebbene meno diffusi, sono il trattamento di alcune forme di tumore alla mammella, l’ipostaturismo e stati di grave deperimento. Se la donna è affetta da carcinoma della mammella o dell’utero, dato che gli estrogeni aumentano la proliferazione cellulare in questi organi. Irregolarità mestruali, in caso di trattamento con soli progestinici.

Malattie da difetti della steroidogenesi

Una volta nel nucleo, il recettore si lega a particolari sequenze del DNA , modificando l’espressione genica della cellula. Dal momento che i geni contengono le informazioni per la sintesi delle proteine, a seguito dell’azione ormonale, la sintesi potrà essere stimolata o repressa. Gli anabolizzanti talvolta sono presi non per curare una malattia ma per aumentare la massa muscolare e migliorare le prestazioni atletiche e sportive . L’utilizzo degli steroidi anabolizzanti androgeni a scopo di doping è sempre vietato.

Anabolizzanti steroidei: ginecomastia, ridotta fertilità e ipogonadismo

Gli steroidi anabolizzanti sono le versioni artificiali del testosterone, l’ormone sessuale maschile che aiuta ad aumentare la massa muscolare. Un medico può prescriverli legalmente nel caso che il paziente non produca abbastanza testosterone, per esempio nei ragazzi con un ritardo nella pubertà, oppure in persone che perdono la massa muscolare a causa di cancro, AIDS e altre condizioni di salute. La combinazione di queste sostanze può portare a un aumento di rischio di sviluppare neoplasie,dislipidemie ed elevato rischio cardiovascolare. Questi effetti avversi possono addirittura aumentare dato che l’iniziazione all’uso di steroidi avviene sempre più precocemente con maggiore frequenza e continua per lunghi periodi sia negli atleti sia nei non atleti.

Attualmente sono disponibili numerosi corticosteroidi di sintesi dotati di proprietà antinfiammatoria e immunosoppressiva, che si differenziano tra loro per la maggiore o minore intensità e specificità dell’azione antinfiammatoria e per la più o meno lunga durata di azione. È importante parlare con steroidi il proprio operatore sanitario o con un farmacista dei possibili effetti collaterali del farmaco specifico che si sta assumendo o che si sta pensando di assumere. Per gli atleti, l’aumento della massa muscolare può anche favorire la forza, migliorando le prestazioni sportive basate sulla forza.

Dolore lombare: come curarlo

L’esercizio può aiutare a ridurre la debolezza muscolare e i rischi di osteoporosi. L’assunzione di calcio, vitamina D e farmaci per la rigenerazione ossea possono minimizzare l’assottigliamento osseo dovuto ai corticosteroidi. Il metilprednisolone (Advantan®, Depomedrol®, Medrol®, Solumedrol®, Urbason®, …) è un glucocorticoide sintetico ad azione intermedia, ampiamente utilizzato nella terapia di infiammazioni gravi, malattie autoimmuni, reazioni di ipersensibilità e rigetto di trapianto. Il metilprednisolone è disponibile in forma di compresse, formulazioni iniettabili e topiche.

Uno studio prospettico con un approccio sistematico è necessario al fine di ottenere dati più affidabili sui rischi per la salute a breve e lungo termine legati all’utilizzo di tali sostanze. L’alterazione dei livelli delle transaminasi è un segno di danno epatico di tipo colestatico, tuttavia un aumento di lieve entità può anche essere associato al danno muscolare causato dall’allenamento intenso. Questa ipotesi è suggerita anche dai livelli elevati di creatin-chinasi e dai normali livelli di fosfatasi alcalina e γ-glutamiltransferasi nella maggior parte dei soggetti esaminati.

Leave a Reply

× FALE COM A PLANO
slot gacor scatter hitam scatter hitam pgslot bewin999